La carburazione è uno di quegli aspetti fondamentali per un buon rendimento del motore sia ai bassi regimi che a quelli alti.

INTRODUZIONE - Il carburatore e il Kart

Il carburatore VHSH 30 è stato studiato espressamente per l’applicazione Kartistica grazie all’esperienza maturata con i maggiori team ufficiali (VORTEX, TM, CRS, SGM, MAXTER etc.) ed è stato omologato dalla CIK-FIA per il secondo triennio consecutivo nelle categorie 125 ICC e SUPER ICC; il prodotto garantisce la massima potenza unitamente ad eccezionali doti di accelerazione grazie alla completa gestione di ogni condizione di funzionamento del motore a tutti i regime di rotazione.

La completa dotazione componentistica consente di poter gestire indipendentemente le varie fasi di utilizzazione: l’avviamento, il minimo, la progressione, lo stabilizzato, l’apertura rapida totale e parziale, il pieno gas.

Nella tabella viene indicata la condizione di funzionamento, l’influenza dei vari componenti della taratura, la foto specifica del particolare in questione.

Sono inoltre riportate la specifica con la taratura di base, nella quale sono elencati tutti i componenti della regolazione, e la tabella con le caratteristiche dimensionali dello spillo conico nelle sue diverse varianti.

E’ probabile che, a causa delle variazioni climatiche e/o geografiche, o per le diverse caratteristiche motoristiche (termica, scarico, accensione), si possano verificare anomalie di
carburazione. Si rende per cui necessario agire sui componenti di messa a punto per ristabilire il giusto compromesso di funzionalità.

La regola fondamentale per una corretta messa a punto della carburazione è quella di evitare grosse variazioni rispetto al setting di partenza, e comunque, è importante agire su un componente alla volta, per poterne valutare l’effettiva influenza ed eventualmente riportarsi in condizioni iniziali prima di testare un altro particolare.

L’influenza della quota e della temperatura è evidente principalmente a pieno gas ed al minimo, pertanto è necessario agire inizialmente sulla vite aria ed, in seguito, sul getto massimo.

E’ inoltre utile ricordare che più si sale di quota, più la carburazione si arricchisce e più sale la temperatura ambiente più si ingrassa il titolo della miscela aria/benzina.

Avviamento & Minimo

Avviamento

Prima di procedere all’accensione del motore, assicurarsi che la vaschetta del carburatore ed il circuito di alimentazione siano “invasati” e, nel caso di motore freddo, aprire il comando starter e procedere all’accensione.

Il particolare che influenza l’avviamento è il getto starter:
maggiore sarà il valore di tale componente, più ricca, di conseguenza, sarà la fase di accensione a freddo con starter inserito.

Questo arricchimento è attivo a starter inserito, pertanto influisce fintanto che tale particolare è azionato

Minimo

Per la regolazione del minimo motore bisogna agire sulla vite valvola gas che sposta la posizione di “battuta” della valvola stessa. Tale particolare permette l’incremento o la riduzione dei giri motore al minimo. Unitamente alla regolazione del regime motore si deve impostare il “titolo” ossia la quantità di aria/benzina al minimo.

Occorre pertanto agire sulla vite aria, che ha funzione di ”smagritore”: chiudendola si ottiene un arricchimento; aprendola si ottiene uno smagrimento.

L’influsso di tale particolare oltre che sulla regolarità di minimo, è avvertibile sulle spalancate dal minimo totali e parziali rapide e sui ritorni al minimo: se nelle aperture rapide dal minimo si dovessero avvertire pause, mancamenti per magro, basta chiudere la vite al fine di ottenere un arricchimento; bisogna agire progressivamente muovendo la vite di ¼ di giro per volta.

Se il difetto invece è imputabile ad un eccesso di benzina, eseguire la manovra inversa (aprendo la vite aria). E’ fondamentale avere un minimo motore corretto al fi ne di avere una ripresa parziale e/o totale ottimale e senza esitazioni, di non incorrere in spegnimenti in rilascio e in ritorno al regime di minimo.

La regolazione del titolo al minimo e del regime impostato è importante anche per ottimizzare gli avviamenti a freddo (con starter inserito) ed a caldo (starter escluso).



abbiamo anche parlato di...